betflag
william hill
unibet
bwin sport
betfair
better lottomatica

La Roma perde Pau Lopez: chi sarà il portiere titolare ora?

La notizia era nell’aria già da questo weekend, ma sino all’ultimo lo staff sanitario della Roma ha provato a scongiurare quello che – seppur ancora in via ancora ufficiosa – è oramai scontato: Pau Lopez sarà costretto ad operarsi alla spalla sinistra.

Per il portiere spagnolo, uscito nel primo tempo della semifinale di andata di Europa League giovedì scorso, si tratta della notizia peggiore in assoluto. Troppo grave la lussazione riportata a seguito di quello che, almeno in apparenza, sembrava un semplicissimo tuffo per respingere una conclusione di Paul Pogba: per il portiere iberico sarà necessario ricorrere ad un intervento chirurgico, al quale seguirà un periodo di riposo e graduale riabilitazione. Questo il responso della visita fatta in Svizzera dall’estremo difensore classe 1994, che già in questi giorni dovrebbe essere operato per poter accorciare i tempi di recupero in vista della prossima stagione. Occhi puntati ancora una volta sulla schedina Serie A firmata dagli esperti della nostra Redazione.

L’infortunio di Pau Lopez chiude un periodo a dir poco nefasto per la Roma, reduce dal roboante 6-2 patito per mano del Manchester United e dalla sconfitta a Marassi contro la Sampdoria; come se ciò non bastasse, giovedì sarà tempo di scendere nuovamente in campo – ancora contro i Red Devils – nella semifinale di ritorno di Europa League, in un match dal risultato (almeno sulla carta) già scritto. Nessuno, o quasi, può pensare che i giallorossi riescano a ribaltare le 4 reti di svantaggio agli inglesi, soprattutto se si considera il momento di forma dei capitolini e l’infinita lista degli infortunati.

Lo stesso Pau Lopez verrà sostituito – come già successo ad Old Trafford – da Antonio Mirante, oramai prossimo a trasferirsi a Milano quest’estate (sponda rossonera); a sinistra mancherà la gamba di Spinazzola, mentre in mezzo i polmoni di Veretout. Tornando al capitolo portiere, ha fatto discutere la presenza da titolare domenica sera del giovane brasiliano Daniel Fuzato, apparso ancora un po’ troppo acerbo per poter essere il titolare di una squadra con ambizioni di classifica di un certo livello.

La scelta è stata fatta da Fonseca esclusivamente in ottica turnover: troppo ravvicinati i 3 impegni in 7 giorni per un portiere come Mirante – giunto oramai a 38 anni – lasciato precauzionalmente a riposo proprio in vista del match dell’Olimpico contro lo United. Il tecnico portoghese ha dunque ben chiare le gerarchie per queste ultime gare stagionali: la titolarità è, a pieno diritto, di Mirante; ciò non esclude, considerato che anche la prossima settimana si giocherà il turno infrasettimanale di Serie A, che Fuzato non possa avere ancora qualche chance da qui a fine stagione.

Torna su