casino con bonus immediato senza deposito
betflag
william hill
unibet
bwin sport
betfair
better lottomatica

Tanto tuonò che piovve: Sky si aggiudica 3 partite a settimana di Serie A

La notizia non è sicuramente di quelle inattese, ma al tempo stesso non era così scontato che potesse arrivare. Il secondo pacchetto dei diritti TV per il triennio 2018-2021 se lo è aggiudicato Sky, al termine di una diatriba – sfociata addirittura nel legale – che rischiava di compromettere la prorompente offerta avanzata da Dazn ed accettata dalla Lega Serie A.

Alla fine ha prevalso il buonsenso tra le parti: lo scorso 14 maggio l’emittente televisiva di Murdoch ha difatti ritirato il ricorso presentato al Tribunale di Milano (in cui si contestava le modalità di assegnazione dei diritti TV a Dazn), previo accordo con la stessa Lega per l’assegnazione del secondo pacchetto di gare. A Sky – ovviamente in coabitazione con la piattaforma di streaming in clamorosa ascesa – verrà dunque concessa la possibilità di trasmettere 3 gare (su 10) di Serie A ogni weekend: il match del sabato sera alle 20.45, della domenica a pranzo alle 12.30 e il posticipo delle 20.45 del lunedì sera. Avverrà dunque l’esatto opposto di quello che è avvenuto sino a questa stagione, con Dazn e Sky che si invertono nei ruoli ricoperti nell’ultimo biennio.

La Lega, a fronte di questa cessione dei diritti per il secondo pacchetto di gare, guadagnerà 87,5 milioni di euro in media a stagione, cui vanno sommati gli 840 annui dalla stessa Dazn: un totale di 927 milioni di euro annui, in calo rispetto ai 973 percepiti nel triennio appena concluso. Chissà se ne trarranno giovamento anche le scommesse sportive Serie A, noi provvederemo a fornirvi i nostri pronostici gratuiti anche per tutta la prossima stagione.

A questo punto la palla passa nuovamente alle due emittenti, pronte a discutere su quali gare settimanalmente trasmettere sulle rispettive piattaforme. Il coltello dalla parte del manico ce l’ha ovviamente Dazn: a lei le prime due scelte – sulle sette a disposizione – delle gare da trasmettere ogni settimana; Sky avrà invece la possibilità di scegliere la terza, la sesta e l’ottava chiamata, mentre le restanti saranno ovviamente della piattaforma di streaming. Tali scelte saranno poi oggetto di analisi degli uffici competenti della Lega di Serie A, la quale dovrà poi – compatibilmente con le scelte fatte e le logiche sportive – creare il calendario per le prossime stagioni.

Torna su